Salta al contenuto principale

Domande sul Canto

Cosa significa cantare con la gola aperta?

E’ un’espressione molto usata dagli insegnanti di canto, ma può non essere chiaro a tutti cosa si intenda esattamente per “aprire la gola”. In questo video cerco di spiegare “fisicamente” quale sia il significato e come si attui nella pratica l’atto di “aprire la gola” quando si canta.


Trascrizione del video

Cosa singifica cantare con la gola aperta? Cantare con la gola aperta è un’altra espressione in realtà metaforica, usata tantissimo dagli insegnanti di canto, e che può trarre in inganno, può creare comunque confusione, perché non è compresa magari appieno. Cosa significa cantare con la gola aperta? Ma soprattutto come faccio ad aprire la gola? Allora, cantare con la gola aperta sostanzialmente significa cantare creando spazio all’interno della gola.

All’interno della gola che cosa c’è? C’è la laringe, che è questa scatola, chiamiamola così, che contiene le corde vocali, e questa scatola è mobile. Allora, quando noi vogliamo aprire la gola, ciò che vogliamo fare è abbassare leggermente la laringe, e alzare il palato molle, che è la parte morbida appunto del palato appena prima del velopendulo; questo movimento, allora sostanzialmente avviene questo:

Questo movimento quindi, palato molle che si solleva, laringe che si abbassa leggermente, crea spazio. Quindi crea spazio per il suono.

Per questo si parla di gola aperta, perché quello che interessa quando si canta è creare un suono armonico, un suono ricco. E il suono ricco è creato dalla risonanza, e la risonanza è creata dallo spazio appunto, quindi dall’ambiente in cui la voce può espandersi e risuonare. Questo è il concetto sostanzialmente di gola aperta.