Salta al contenuto principale

Domande sul Canto

I cantanti famosi hanno il dono del canto e noi no?

Domanda: È vero che i cantanti famosi sono nati con un raro dono e se non si ha questo dono non si può imparare a cantare?

Molte persone rinunciano al canto perché credono di essere stonate o semplicemente di non poter cantare perché non dotate di un talento innato, ma non è così. Naturalmente ci sono individui che hanno un dono naturale e alle quali cantare risulta più facile ed istintivo, ma anche chi non possiede questa qualità innata può imparare e raggiungere buonissimi risultati.


Trascrizione del video

Una domanda che ricevo spesso è questa: è vero che i cantanti famosi, tutti i cantanti famosi, sono nati con un raro dono, e che se non si ha questo dono, non si può imparare a cantare, o comunque non si può arrivare a certi livelli? E’ assolutamente falso. Molte persone rinunciano alla possibilità di imparare a cantare, semplicemente perché pensano di non poterlo fare. Pensano di essere stonate, pensano che sia solo di pochi eletti la capacità di saper cantare.

La verità è che sì, esistono persone che nascono con quel talento, quindi con la musicalità, con l’intonazione, con la capacità innata di riuscire a cantare bene, di riuscire a fare più o meno con la voce quello che vogliono. Ma così come ci sono persone che nascono col talento per la scrittura o per lo sport, o per la matematica. Questi talenti però si imparano anche. E ci sono persone che sono in grado di eccellere per quanto non nati con quella particolare predisposizione, quel particolare dono, talento innato.

Quindi si può assolutamente imparare a cantare. L’importante naturalmente è per tutti coloro che non sono nati con questo dono, chiamiamolo così, innato, è importante essere molto costanti ed essere molto appassionati naturalmente; perché ci vorrà forse un po’ di tempo in più rispetto a chi invece è naturalmente portato. La cosa importante è ovviamente quella di seguire un corretto percorso didattico che ti insegni a capire come funziona la voce, e soprattutto a saperla sfruttare e utilizzare nella maniera corretta, nella maniera più gratificante ovviamente possibile.